Loxam Access, rinnovo green del parco e priorità alla sicurezza

Maurizio Bonaldi Direttore Operativo Nacanco
Maurizio Bonaldi Direttore Operativo

Maurizio Bonaldi Direttore Operativo Nacanco

Loxam Access prosegue il proprio piano di rinnovo e potenziamento del parco macchine in locazione acquistando numerosi mezzi dai principali e più qualificati produttori sul mercato internazionale.

Maurizio Bonaldi Direttore Operativo

L’obiettivo è quello di poter mettere a disposizione dei propri clienti un parco macchine efficiente, produttivo, sicuro, tecnologicamente all’avanguardia e allo stesso tempo di poter intercettare le esigenze di lavoro dei diversi settori di applicazione delle piattaforme aeree. Gli acquisti di quest’anno hanno riguardato un ampio ventaglio d’attrezzature – oltre 310 unità – che spaziano dalle verticali elettriche con altezze di lavoro da 8 a 22 metri alle articolate elettriche (da 9 a 16 metri d’altezza) e diesel (da 16 a 40 metri), ai numerosi carrelli telescopici, ai carrelli elevatori elettrici, fino ai piccoli elevatori di persona.

“Gli acquisti effettuati nel 2018 – ci spiega Maurizio Bonaldi, Direttore Operativo di Loxam Access – hanno avuto come obiettivo primario il rinnovo del parco a noleggio. Un parco pensato, in parte, per soddisfare le esigenze degli operatori del settore del construction che rappresentano tuttora il core business di Loxam Access, ma anche per altri comparti come la logistica e le applicazioni industriali, nei quali si è differenziata negli ultimi anni la nostra proposta di servizi. Gli acquisti sono stati pianificati a inizio anno e hanno seguito alcune linee guida emerse dopo un’attenta analisi del mercato. In primis la Direzione ha deciso di introdurre nuovi modelli di verticali elettriche con altezza di lavoro maggiore rispetto a quelle già a noleggio, per soddisfare le esigenze dei settori di applicazioni che richiedevano a Loxam Access questa tipologia di piattaforma. Nel 2019 verranno inseriti a parco i primi modelli di macchine ibride in coerenza alla sensibilità del gruppo circa il tema della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. Già oggi più del 75% del parco Loxam è ad alimentazione elettrica e l’obiettivo e’ quello di continuare ad incrementarne il peso. Il tutto rimanendo fedeli alla strategia aziendale basata sull’offerta di servizi di qualità con attrezzature moderne e redditizie per la clientela”.

Tutte le new entry in flotta sono state scelte dalla Direzione per poter garantire ai clienti i massimi livelli di sicurezza sul lavoro, di produttività e la massima semplicità di utilizzo, grazie anche alla partnership con case costruttrici internazionali e all’avanguardia. Bonaldi conferma che la sinergia con il Gruppo Loxam ha dato la possibilità di conoscere dal punto di vista tecnico modelli non testati in passato, come gli ibridi, e ha fornito lo stimolo per l’accelerazione del rinnovo del parco verso macchine green, focalizzando l’attenzione ai temi dell’ecologia, dell’ambiente e della salute.

Vi proponiamo di seguito l’intervista in esclusiva con il manager di Loxam Access.

 

A quasi un anno dall’integrazione con la divisione sollevamento aereo di Loxam quali sono stati i principali cambiamenti attuati sull’organizzazione Nacanco?

Il fatto di appartenere a uno dei gruppi più importanti a livello mondiale e viverne le dinamiche lavorative in maniera diretta è un acceleratore per la qualità dell’organizzazione e per tutti i percorsi di crescita e miglioramento che da sempre hanno animato la vita di Nacanco. Tutto ciò con buoni margini di autonomia e nel pieno rispetto delle esigenze locali.

Come state affrontando le priorità legate alla sicurezza dei mezzi?

Pur avendo da sempre avuto la sicurezza come aspetto fondamentale della proposta Nacanco, abbiamo trovato all’interno del gruppo una tale sensibilità, cura e una qualità di metodo nell’affrontare l’argomento, sia all’interno dell’azienda che lungo tutta la filiera operativa che porta al cliente, che rende la sicurezza l’attore principale delle nostre giornate lavorative e ne fa indiscutibilmente il valore aggiunto della nostra proposta.

Le nuove macchine entrate nel parco nel 2018 sono state acquisite dall’Italia oppure dalla struttura centrale inglese?

Sia la fase di scelta dei modelli che quella di acquisto sfrutta al massimo le sinergie di gruppo. Le maggiori competenze di ogni paese vengono messe a disposizione del gruppo per consentire a ognuno, nel rispetto delle proprie necessità, di accedere ai migliori vantaggi.

Su quali driver proseguirà il rinnovo del parco mezzi nel 2019? Modelli, tipologie, caratteristiche e numeri…

Il 2019 sarà ancora un anno in cui gli acquisti avranno come obiettivo il ringiovanimento di parte delle oltre 3mila macchine in flotta soprattutto sulle grandi altezze, carrelli telescopici e autocarrate.

Recentemente, Loxam ha acquisito anche lo storico noleggiatore romano Nove: come avverrà l’integrazione con l’organizzazione Nacanco e come sarà gestita la clientela in caso di sovrapposizione?

L’acquisizione di Nove è un’ulteriore grande opportunità per Loxam in Italia. L’obiettivo comune è quello di preservare al massimo i loro punti di forza e far sì che possano risultare un valore aggiunto nelle nuove sinergie di gruppo, mantenendo e incrementando l’attuale portafoglio clienti.

Più in generale, quali sono gli obiettivi 2019 di Loxam Access in Italia?

Il 2019 sarà un anno determinante per Loxam Access Italia per consolidare la propria posizione di leader di mercato. Sarà importante confermarsi con convinzione in ogni area del territorio rafforzando i cardini della nostra proposta basati su sicurezza, affidabilità e disponibilità del parco, contribuendo altresì alla crescita del settore rafforzandone qualità e professionalità.

Tag dell'articolo: loxam, Nacanco

Newsletter - RentalBlog

Iscriviti Qui alla Nostra Newsletter

Ricevi tutti i nostri aggiornamenti esclusivi sul mondo del noleggio

ARTICOLI CORRELATI

Rimaniamo in contatto!

Iscriviti alla newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti.

Marketing a cura di