Gli insegnamenti di marketing di Yogi Berra

Yogi Berra guru del marketing del noleggio
Yogi Berra guru del marketing del noleggio

Yogi Berra guru del marketing del noleggio (Wikimedia Commons)

Yogi Berra è stato uno dei più grandi personaggi dello sport americano. Nel mondo del baseball ha praticamente vinto tutto quello che si poteva vincere, da giocatore, allenatore e dirigente, ed è stato uno degli sportivi più amati di sempre.

Ma nel mondo forse Yogi Berra è famoso, più che per il suo curriculum sportivo, per le sue frasi celebri: affermazioni disarmanti e apparentemente ovvie, dotate di un certo effetto comico. Alcuni commentatori, da noi, lo hanno paragonato ad altri personaggi sportivi italiani, come Giovanni Trapattoni o Vujadin Boskov. Ma secondo me questi paragoni sono sbagliati: Yogi Berra aveva una profondità tutta particolare nelle sue affermazioni, che le rendono qualcosa di più di frasi “comiche”.

Per questo voglio parlarvene, perché secondo me nascondono alcuni importanti insegnamenti anche in tema di marketing e gestione delle aziende.

So che quello che ho appena scritto può sembrare pretenzioso, e che interpretare queste frasi può per alcuni essere simile a spiegare una barzelletta, ma vi chiedo lo stesso di seguirmi per qualche minuto: secondo me ci sono alcuni insegnamenti da cogliere, sotto la patina dell’umorismo o dell’apparente contrasto.

Nessuno va più in quel ristorante, perché è troppo affollato

Questa frase sintetizza in modo perfetto una delle caratteristiche (e dei problemi) di base delle imprese di servizi: l’impossibilità di immagazzinare il prodotto, ossia il servizio stesso. Questo porta con sé la necessità di programmare il servizio in funzione dei picchi della domanda. Va da sé che un’azienda che non riesce in questo finirà per scontentare i suoi clienti.

E nelle aziende di noleggio, l’aumento della scala di lavoro (ad esempio, attraverso più filiali), consente di ripartire la flotta in modo più efficiente, sfruttando l’andamento della domanda nei vari mercati locali.

Non è finita finché non è finita

Una delle frasi più celebri di Berra, è diventata il titolo di trasmissioni radiofoniche e televisive, oltre che di una canzone di Lenny Kravitz. Inutile, quindi, che vi racconti il significato di questa frase, specie in campo sportivo (o amoroso).

Per i noleggiatori, però, c’è un significato aggiuntivo: la vita utile di una macchina non è finita finché non sono esaurite le sue capacità di generare flussi di canoni. O meglio: fino a quando il valore di realizzo non diventa superiore a quello che si può ancora estrarre dalla macchina offrendola a noleggio (anche considerando il rischio di guasti o malfunzionamenti).

E quindi una macchina perfettamente mantenuta dura di più, e potrebbe “finire” più tardi di quello che si pensa.

Quando sulla tua strada incontri un bivio, prendilo

Questa frase in realtà ha origini piuttosto banali: Berra la disse a un amico che doveva andare a casa sua, e in effetti ci si poteva arrivare prendendo una qualunque delle due strade che partivano da lì.

Tuttavia questa frase nasconde una verità più grande: quando vi trovate di fronte a un bivio, una decisione difficile, qualunque sia la vostra scelta, andate avanti fino in fondo. Anche se è nella natura umana continuare a rimuginare e pensare alle scelte fatte, e a chiedersi se abbiamo fatto bene o male, questo è un errore, e non fa altro che sottrarre preziose energie mentali e fisiche alla vostra attività.

Si possono notare molte cose già solo osservando

Già, se solo davvero ci mettessimo a osservare, e non ci limitassimo a guardare e basta.

Il futuro non è più quello di una volta

Questa è una delle mie citazioni preferite di Berra, ed è associata anche a molti altri personaggi famosi. Al di là dell’apparente paradosso, è proprio vero che il futuro è cambiato.

Un tempo forse era possibile programmare in linea di massima tutte le attività da svolgere, attendersi ad esempio flussi di domanda piuttosto regolari, e gestire le eccezioni, che però non stravolgevano mai la situazione. Oggi non è più così. La crisi finanziaria, la globalizzazione, i cambiamenti nella domanda, le nuove tecnologie: l’elenco di cose che possono sballare le previsioni aziendali è pressoché infinito. Per questo forse è meglio dotarsi di una struttura aziendale in grado di affrontare qualunque tempesta, piuttosto che guardare ogni minuto le previsioni del tempo (che tanto, si sa, non ci prendono mai).

Spero che questa carrellata possa farvi fermare a pensare un po’, come succede a me quando incontro una di queste citazioni. Anche se so che non è sempre facile trarre insegnamenti dalle frasi celebri, perché

In teoria, teoria e pratica sono la stessa cosa; in pratica no.

(Yogi Berra)

Tag dell'articolo: Marketing, Rental Academy, strategie

Newsletter - RentalBlog

Iscriviti Qui alla Nostra Newsletter

Ricevi tutti i nostri aggiornamenti esclusivi sul mondo del noleggio

ARTICOLI CORRELATI

Rimaniamo in contatto!

Iscriviti alla newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti.

Marketing a cura di